Lacrime

Ho perso il dono del pianto.

Forse ha ragione Byron: ”Chi ha da fare non ha tempo per le lacrime”.

In fondo, cosa ci vuole a piangere? Un bel nulla. Lasciarsi andare, farsi trasportare dagli avvenimenti, dalle emozioni e dare loro conforto. Non è difficile.

Ma perché dedicarle ad una persona? Le lacrime che non trovano conforto, sono inutili. Perché piangere, esprimendo gioia, dolore, rabbia, tensione, se nessuno è pronto a berle con te?

Così sono lì, con gli occhi gonfi, pronto a pregarmi di non cedere, tenendo tutto dentro, vivendo da solo, nel mio profondo intimo, tutte le mie emozioni.

Ma so, che quel giorno verrà. Troverò chi saprà capire cosa le sto donando. E non saprò più se piangere di dolore o di gioia.

Chi È L’eroe?

Diluvia.

Dal parcheggio all’ingresso è un salto, ma ci sono i palloni, le borracce, le divise da scaricare. In un attimo siamo zuppi d’acqua.

Entriamo nello spogliatoio. La stanza è fredda, una luce al neon illumina le divise appoggiate su una panca. La pioggia batte ancora sulle nostre teste, il mister spiega come dovremo stare in campo.

Arriva l’arbitro. Il capitano gli si avvicina, gli stringe la mano. “Il signore vale per tutti” e le solite formalità: nome, numero, grazie.

Ci abbracciamo forte l’un l’altro. Una sola voce echeggia nella stanza.

Finalmente imbocchiamo il corridoio. Sorriso di plastica e occhi pieni di adrenalina.

Siamo fuori. Corriamo verso il centrocampo. L’aria è carica di tensione. Le gocce cadono come macigni, il vento ferisce gli occhi, i fari si accendono sui nostri visi tesi.

Il pubblico ci guarda. E’ il momento degli inni. Mano sul cuore. Petto in fuori. Braccia strette come cinture.

Un insetto nero si dimena sulle transenne. Fischia la mia Patria. Insulta i miei compagni. Taglia la rete che ci separa.

Ora è parte del mio mondo.

Getta un fumogeno in campo. Esplode un petardo, esplode la rabbia. Paura, tensione, delusione.

La gente fugge. In quel rettangolo rimane solo la vergogna. I fari si spengono. Gli occhi si chiudono.

La partita è finita.

Lo scatto è di Ivan Romano

Rousseau Peccava Di Un Eccesso Incommensurabile Di Ottimismo

Se la politica è l’arte di governare ovvero orientare, piegare, esaltare le passioni, limitare gli egoismi, promuovere gli interessi in vista di scopi d’ordine generale, che trascendono quasi sempre la vita individuale perché si proiettano nel futuro, non v’è dubbio alcuno che l’elemento fondamentale di questa arte, è l’individuo. La politica rappresenta, quindi, un’organizzazione e una limitazione.
Gli individui tendono, sospinti dai loro egoismi, all’atonismo sociale, ad evadere continuamente, a disubbidire alle leggi, a non pagare i tributi. Pochi sono coloro – eroi o santi – che sacrificano il proprio io sull’altare dello Stato, tutti gli altri sono in una posizione di potenziale rivolta contro di esso.
C’è una finzione e un’illusione di più. Il popolo. E’ una entità politica meramente astratta, mai definita. Non si sa dove cominci esattamente, né dove finisca. La sovranità riferita al popolo è un’altra tragica menzogna. Il popolo al più, delega, ma non esercita sovranità alcuna. I sistemi rappresentativi appartengono più alla meccanica che alla morale.
Le corone cartacee della sovranità vengono strappate. L’autonomia del popolo viene sottratta, lasciandolo nell’incoscienza dei fatti. Le domande restano sospese perché le risposte diventano fatali.
“Perché la natura de’ populi è varia; è facile a persuadere loro una cosa, ma è difficile fermarli in quella persuasione; e però conviene essere ordinato in modo che, quando non credano più, si possa fare credere loro per forza“

Vecchi Simboli. Nuove Guerre…

Propongono leader,anziché idee. Ci inscatolano una vita distante anni luce dal mondo che sogniamo.

Ma è tempo di andare oltre la destra e la sinistra. Superare le lacerazioni del passato, di capire che bisogna rispondere alle sfide odierne del capitalismo globale.

Il nemico, il nuovo nemico, opera su binari diversi, distanti anche dalla recente contrapposizione liberismo-socialismo.

Dobbiamo rifondare la politica su basi comunitarie, aprire a nuove e antiche sensibilità come l’ambiente, il recupero dei centri storici, l’idea di tradizione, l’identità, non chiusa nella riserva indiana ma aperta alla dimensione locale e alla civiltà europea, il senso del sacro.

Bisogna liberarsi del nostalgismo fradicio e furbetto di chi commercializza la memoria degli ideali ai soli fini elettorali, una specie di compravendita politica farcita di ignoranza culturale di base. Solo grazie a questi piccoli passi che la prospettiva culturale e antagonista degli opposti si potrà finalmente rivalutare.

Siamo di fronte ad una svolta storica, ma senza il consueto corteo di analisi, di proiezioni, di previsioni. Anche se, come al solito, turbe di «esperti» ci disegneranno i loro scenari per l’ avvenire. Ben prima di Hegel, gli antichi Padri parlavano dell’ ironia divina: l’Onnipotente si prende gioco della presunzione umana nel voler prevedere un futuro di cui Egli solo conosce il mistero.

Lo “scatto” è di: Francesco Monaco

Diritto All’oblio

Inserisco il mio nome su un motore di ricerca. Con meraviglia scopro di essere su ben 14 pagine. Clicko, navigo, visiono, ascolto. 132 link raccontano la mia vita.
Mi compiaccio. Forse, sono diventato mediocremente famoso.
Dichiarazioni, opinioni, eventi. C’è un pò di tutto. In fondo, esterno solo il mio pensiero.
Ma l’immagine che dà di me è in realtà una fotografia incompleta e anacronistica, formata da elementi spesso privi di connessione o addirittura in contraddizione tra loro.
Lascio tracce. Perdo il controllo delle informazioni condivise.
Siamo in grado di ricordare migliaia di cose in più. Ma, al contempo, siamo continuamente spiati.
La memoria è sovversiva, la memoria è come un indice puntato contro i nostri giorni passati.
E se, per incanto, volessi sparire? Come potrei cancellare il ricordo digitale di un’esperienza da milioni di hard disk?
Non esiste pulsante, non esiste procedura, non esiste legge che mi permetta di farlo.
Sono prigioniero di una gabbia di bit, dalla quale non potrò più uscire…

Lo “scatto” è di Liliana Giannone .

Guardando Dall’8° Piano In Giù…

Il sole entra dalle finestre che sbirciano su Croke Park.
La luce si infrange nei vetri. Un arcobaleno di colori si proietta sulle pareti della mia camera da letto. Il cuscino è morbido, le coperte calde, l’aria tiepida.
Il sogno, per un attimo, è realtà.
Guardo fuori. Un uccellino blu cinguetta sul ramo dell’albero che accarezza il terrazzo.
E’ ora di alzarsi!
Infilo le pantofole. Da sotto al letto, spunta il musetto di Charlie.
Apro la porta. Il nostro pianerottolo di emozioni è, come sempre, sottosopra!
Mi guardo intorno. Il tavolo è pieno delle birre di Oz. I grafici di Jacques, sono sparsi ovunque… anche stanotte ci sarà stata bisboccia!!!
Sulla bacheca ci sono messaggi di nuovi amici. Un sorriso, sveglia il mio volto assonnato.
La tv è ancora accesa. Sullo schermo, in un incessante loop, i video dei ricordi di un tempo. Mi soffermo a guardarli. In tre minuti, scorre tutta la mia vita. Rinsavisco, è ora di preparare la colazione!
La cucina è nascosta dietro una tenda di piccoli batuffoli di lana.
Latte, cereali, frutti rossi… bene c’è tutto!
Il cucchiaio è nella ciotola, chiudo gli occhi, so che una nuova giornata sta per iniziare, inspiro. L’aria è nei polmoni, si carica di disagi, paure e… dei sogni dell’ultima notte.
Un soffio gelido, mi brina le labbra…
Li riapro e sono di nuovo nel mio ufficio…

Tic Tac… È Iniziata La Guerra!!!

Oggetto di cronaca recente è la malsana idea di diffondere l’ora della Mecca come “tempo ufficiale” del nostro martoriato pianeta.

Il feticcio occidentale di Greenwich, secondo la Famiglia Reale Saudita, verrà sostituito da un orologione di 43 metri per 43, tempestato da 2 milioni di led e 21 mila luci che proietteranno, fino a 30 km di distanza, “Allah è Grande”.

Questa mega attrazione, costruita da quei palazzinari dei Bin Laden, è posta sul secondo edificio più alto della Terra e, sovrastando tutto il mondo arabo, guarderà dall’alto in basso il povero Big Ben che scomparirà all’ombra (o alla luce?) della nuova torre.

Lo Swatch formato famiglia (reale) è ubicato alla Mecca ma costruito su un centro commerciale. Di cosa stiamo parlando allora? Di sfarzo architettonico? Di un’idea politica o più semplicemente di un nuovo marchio per attirare nuovi turisti nella città araba?

Che motivo c’è di creare ulteriore contrapposizione tra due mondi che, al di la di ogni estremismo, non riescono a trovare motivo di unione se non nel reciproco odio?

Perché anche la dimensione temporale deve essere fonte di diseguaglianza? Come ci comporteremo quando un tizio per strada ci chiederà l’ora? Gli chiederemo prima la sua fede religiosa e, dopo aver fatto gli opportuni calcoli, gli risponderemo?

La crociata per egemonizzare il mondo è partita con questa opera e verrà scandita dalle sue lancette.

Sono Solo Stanco… Non Convincerti Del Contrario

Basta buttare parole su uno schermo bianco in cerca di sfogo!

Rileggerle per trovarne un significato da dare agli altri, mostrando a tutti la tua anima.

E allora giù righe di noia e di lacrime, puntando il dito verso mondi che non ti appartengono e confidargli di aver sbagliato.

Basta!

Non ne posso più di persone che antepongono la parola al fatto! Voglio azione nella mia vita!

L’esperienza è l’unica cosa che non si può trasmettere ma troppo spesso si nasconde dietro alle parole.

Avrei detto, avrei fatto… ma avrei che cosa? Perché non lo hai fatto? Perché non lo hai detto? Perché?!?

Credi che così ti sentirai migliore? Sbagli!

Troppo spesso la vita assume le forme di un assurdo gioco da settimana enigmistica. I miei puntini li sto unendo con raziocinio e ho voglia di scoprire quale meraviglioso disegno si cela alla fine.

Anche se gli occhi spesso inganno, mostrandoti cose e realtà che forse non esistono.

No, non sono pazzo. Atarassico?!? Nemmeno!

Proprio dai disturbi dell’anima riesco a trovare le espressioni giuste per dipingere il mondo.

Non ti piace? Beh, credimi, è solo invidia!

Non sono pazzo, sono solo stanco… Non convincerti del contrario…

Un Link Speciale Per Te!

Hanno tutti un’immagine photoshoppata, un alfabeto irriconoscibile e una citazione che rimeggia con cuore o amore. Ne ho visti di tutti i colori, sgrammaticati, con orrori di ortografia, mancanti di punteggiatura e firmati dai nick più infausti:  “Camorra and Love”, “Principe Azurro” (il mio non è un refuso), “bambolina napoletana triste” e chi più ne ha, più ne metta!

La banalità usata per indicare una appartenenza a chissà quale categoria: “Uomini e donne”, “sono figo”, “mi stressi”, “ti stimo” e tutta una seria di improperi difficili pure a ripetersi.

Ho visto, attribuita a Jhonny Deep, la frase “Non si desidera ciò che è facile ottenere”. Nulla contro il grande attore, ma povero OVIDIO!!!

Li chiamano “link”.

Non molto tempo fa, erano utilizzati per scopi diversi collegando notizie ed argomenti tra loro omogenei. Insomma, qualcosa di utile.

Ora rappresentano le tue emozioni, i tuoi stati d’animo, i tuoi pensieri.

Ci lamentiamo tanto dell’omologazione, della globalizzazione ma siamo i primi a non voler lasciare un segno e preferiamo affidare ad altri questo compito.

E tu, povero idiota, che hai seguito il link (questo lo è) solo perchè hai visto una bella figliola, sei stato costretto a leggere tutto il mio noioso post fatto di apprezzamenti che – magari – ti riguardano. Ora, da bravo, torna sul tuo profilo e guarda quanto ti sei manifestato omologato e ignorante, condividendo pensieri, tramutati in immondizia da persone che nemmeno conosci.

No, non ti sto disprezzando ma… odi profanum vulgus et arceo.

Sul Confine

Credo che il miglior punto di osservazione sia proprio lì, sulla linea di confine. Guardare le miserie umane fatte di pochezze per poi commisurarle alle proprie: ti fa sentire meno gretto. In fondo avere dei valori, particolari, magari antichi, ti distingue da tanti esseri pieni di nulla!
Il nulla! E’ li in mezzo che ti fanno sentire gli sbagli. La paura di commetterne sempre di uguali è grande. Rende attoniti. Un cane bastonato, quando vede una mano tesa, – sia una carezza o uno schiaffo – scappa via…
Ed in questo crogiuolo di sentimenti, i miei ribolliscono venendo in collisione come due popoli nel culmine della loro battaglia, un intrecciarsi di corpi, armature, spade e scudi che difficilmente lasciano distinguere chi attacca da chi si difende… chi ama da chi odia… ciò che è bene da ciò che è male…