D2D: #wister – Le Emozioni Di Un Incontro

Da aprile di quest’anno sono entrata a far parte del gruppo femminile WISTER (Women for Intelligent and Smart Territories) che riunisce donne che credono sia possibile fare lobby mettendo al centro l’idea di conquistare spazi nella società civile, lavorativa, politica,  attraverso l’utilizzo consapevole della tecnologia  intesa come strumento di avvio di partecipazione e innovazione.
Continue reading D2D: #wister – Le Emozioni Di Un Incontro

collage

#iononcisto Al Decreto Salva Stalker

Non si fa altro che catturare consensi fingendo di voler difendere i più deboli, i minori, le donne.

Ci si riempe la bocca di sdegno, indignazione verso le decine, centinaia di femminicidi.

La TV ci bombarda di racconti di donne stuprate, violate, violentate, perseguitate e sembra farlo ormai solo per fare audience.

Ieri, 29 luglio 2013, il Senato della Repubblica italiano vota il Decreto Legge svuota Carceri e, chissà come, chissà per quale distrazione,  salva anche gli stalker.

Il Decreto prevede che la custodia cautelare vada applicata ai reati la cui pena prevista è superiore a 5 anni e, guarda caso, per il reato di persecuzione, per gli stalker, la pena va da 6 mesi a 4 anni.

Ma guarda un poco ….

Se è colpa del caldo, cari miei, rinfrescatevi le idee perché noi non ci stiamo a farci ammazzare e per giunta a farci prendere più in giro.

#IONONCISTO

speranza-amiafiglia

A Mia Figlia #00

Ti ho odiato.

Ti odio ancora.

Volevo una famiglia come tutti i figli del mondo e tu me l’hai negata.

Che dolore immenso tutti i giorni della mia vita.

Pensi abbia dimenticato?

Pensi davvero che oggi basti dirmi che vuoi parlarmi per cancellare la tristezza, lo sconforto, l’avermi fatto sentire in colpa per anni perché pensavo che tu e papà litigavate per colpa mia?

Dove sei stata tutto questo tempo?

Oddio mamma, perché devo ascoltare oggi?

Non te lo meriti.

Mi lasci questa lettera, così, come se la tua assenza durata milioni di attimi possa essere dimenticata.

TI ODIOOOOOOO

pianoD2

Vi Racconto La Storia Del #pianod

Vi racconto una bella storia, la storia del piano “D”.

L’altra sera ero su twitter e a un certo punto, mentre si twittava su #saggi, esprimendo tutta la nostra arrabbiatura, la nostra indignazione, mi sono trovata catapultata in  #ombresagge a “causa” di   Flavia e immediatamente nel google groupe di #WISTER ed è partito un turbinio incessante, collettivo tutto femminile per le ore a seguire.

Un rimbalzare continuo tra ggroup, tw e fb aggregando e condividendo. E’ andato avanti anche nella giornata di Pasqua e pasquetta e ancora una volta mi sono rallegrata di essere donna e di essere in rete.

Tante donne sconosciute tra loro, probabilmente con idee politiche differenti e con competenze le più distanti le une dalle altre, tenute assieme da nodi di interconnessione rappresentate dalle persone stesse. Donne unite con un obiettivo in comune e con quella delicatezza che non trovi in altri luoghi; donne intelligenti, preparate, creative e rispettose. Il gruppo elaborava l’idea ma nel frattempo non voleva togliere visibilità alle altre, ad altri soggetti più rappresentativi e nel contempo fremente di scatenare l’ira di dio sulla questione dei saggi di Napolitano.

Nessuna necessità di mediazione, come invece accade quando i protagonismi sono tanti.

Quando è partita la proposta sull’hashtag per lanciare la protesta, sono seguite soltanto decine di mail che quotavano l’una o l’altra proposta e quando si è deciso, nessuna delusione perché la scelta ha lasciato tutte soddisfatte.

 

E’ un modo di lavorare quello delle donne che voi non capirete mai.

Intanto leggetevi l’appello elaborato qua e SOTTOSCRIVETELO

Ci trovate seguendo #www (World Wise Women) #WISTER (Women for Intelligent and Smart TERritories) e chiaramente #PianoD

Crimi E Solo Due Occhi Chiusi.

Questo è il tempo in cui le azioni, i comportamenti, gli atteggiamenti “normali” assumono il carattere dell’eccezionalità.
Stamattina testate giornalistiche riportano l’immagine del capogruppo del Movimento 5 stelle, Crimi, con gli occhi chiusi sullo scranno parlamentare e noi tutti partiamo ad attaccarlo quasi avesse compiuto il peggiore dei mali.
Un uomo seduto per tante ore ad ascoltare, a riflettere, ad esercitare un ruolo che fino al mese scorso era un miraggio, un uomo caricato di mille responsabilità dal mandato ricevuto dai suoi elettori che non vuole tradire, un uomo adesso con l’adrenalina alle stelle, sotto stress, che si appoggia due secondi alla spalliera della poltrona, chiude gli occhi forse per rilassarsi, immediatamente diviene oggetto di scherno da parte dell’Italia intera.
Sembra che tutti abbiamo perso l’orientamento tra ciò che è giusto e ciò che non lo è, tra ciò che è ridicolo e ciò che è normale, umano.

crimi-dorme-in-aula

Ho l’impressione di essere circondata e anche io pregnata da una percezione alterata del reale, quasi fossi sotto effetto di qualche sostanza stupefacente.
L’acuto protagonismo, le lenti di ingrandimento, il grande fratello, la morbosa curiosità fine a se stessa, rivoltano l’essenza vitale di ognuno di noi, di tutti.
Mi piacerebbe che tornassimo a guardare con gli occhi della ragione, con gli occhi dei pastori che scrutano il cielo e lo leggono per quello che è, vorrei che cominciassimo daccapo a dire che una favola è una favola e non la verità edulcorata.
Papa Francesco che siede tra i fedeli o che paga il suo conto d’albergo, emoziona il popolo mondiale ma se ci rifletti non ha nulla di eccezionale.

papaalbergo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PAPA siede dopo messa

 

 

 

 

 

 

 

 

Forse per troppo tempo abbiamo vissuto con l’assenza della routine, della quotidianità. Forse per troppo tempo chi occupava ruoli apicali e ben in vista ha dimenticato che era solo un uomo, un uomo come tutti gli altri.

sfondorossoche2

Ciao Compagno

Torno or ora da una funzione “religiosa” per dare l’estremo saluto a un compagno che, per correttezza verso di lui, non chiamerò per nome ma ricorrerò a sostantivi a lui adatti.

Esperienza surreale. Mi hanno avvisata che l’avremo salutato in chiesa e quando l’ho saputo sono rimasta allibita conoscendo bene quanto  “l’anima” fosse lontana da quel luogo avendo manifestato apertamente d’esser ateo convinto.

Ma quando muori altri decidono per te, a meno che tu non abbia abbastanza soldi per depositare le tue volontà da un notaio e “gioia” soldi non ne aveva proprio, era povero (solo di danari).

Quando ricco o abbiente non sei, tocca che t’adatti anche da morto e rimani costretto a subire proprio ciò che in vita mai, e dico mai, avresti accettato.

Inizia la funzione e scopri subito che, danno alla beffa, ti è toccato il prete balbuziente e l’organista-corista stonata e tutto comincia a diventare davvero ridicolo. Si aggiunge il fatto che la platea non pare avvezza ai riti e rimane seduta tanto da costringere in seguito il tartaglione a dirigere le alzate e le sedute.

Un’accozzaglia di gente che sta là unicamente per salutarti solo perché, per povertà, non c’è un altro posto decente per farlo. I parenti giunti da fuori, precari della vita come te, “profumo”, hanno trovato accoglienza in questa chiesa di periferia con il parrocco mangiaparole e la corista frustrata.

Caro “amico”, mi è sembrata un’ingiustizia ma, a poco poco, ho cominciato a sorridere pensando a cosa avresti detto e fatto e subito mi son tornate in mente le tue vignette e son diventata blasfema pure io e quando è arrivata la lettura con il passo di Matteo “ Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: Signore, signore, aprici! “ ho raggiunto il top e mi sono immaginata che cosa avresti detto e la vocetta canzonatoria.

Lo so, è irriverente, ma anche obbligare un ateo a subire una messa che non vuole, lo è.

Perché per assurdo che paia, un ateo crede quanto un cristiano e la sua fede, anche se diversa, appartiene a quella degli uomini d’onore e proprio non dovevano fartelo questo affronto.

E sarà che un poco pazza e molto fantasiosa lo sono, ho aspettato un segno e … è arrivato.

Booom

Al momento della comunione, un allarme in lontananza ha coperto il gracchiare della corista che andava scemando di suo perché è saltata l’elettricità.
Combinazione forse ma per me e Cesarina, che ci siamo guardate negli occhi e abbiamo sorriso con tutti i muscoli della faccia, è stato il segnale che la tua fede è uguale alle altre e che eri venuto a ribellarti.

Una, due, tre volte e andata via la luce. E’ tornata dopo che tartaglia t’aveva inflitto l’acqua santa e sembrava un rito esorcista quando si sono riaccese le lampadine. Hanno liberato l’indemoniato, hanno liberato l’indemoniato ….  e invece no, zac, si sono rispenti quei brutti ceri elettrici e tu eri là con noi.

Mi aggrappo forse all’immaginazione perché non riesco a darmi una spiegazione al perché sei dovuto andare via tanto in fretta e tanto ingiustamente. “Compagno”, non è giusta mai la morte e men che meno per te che già avevi tanto patito e mai avevi abbassato la testa, conservando la dignità e mai perdendo i valori in cui credevi. Tiravi avanti con la pensione, nonostante la giovane età, e qualche giornata finchè la salute t’ha accompagnato, senza mai chiedere favori a nessuno.

Disponibile e pronto per tutte le manifestazioni a sfondo sociale, banchetti e raccolte firme, gruppo di acquisto solidale, hanno fatto di te quell’esempio che la politica odierna dovrebbe osservare ed emulare. Impegno senza tornaconto.

Sto qui a scrivere di te e forse sbaglio perché magari saresti voluto andare via, così, in silenzio, garbatamente, senza dare nell’occhio ma meriti quell’attenzione e quel risalto che gli esempi debbono avere.

Fuori ad attenderti tutti i compagni ti hanno salutato come meritavi, con le bandiere rosse ed il pugno al cielo, in silenzio e nel cuore di tutti un’unica frase: Hasta la Victoira, compagno … siempre.

non ho paura

Paura

 

Ti rendi conto, ad un certo punto, che la paura domina tutto. Domina i valori con cui sei cresciuto, i criteri che fino ad oggi hanno battuto il tuo sentiero di vita. I tuoi sensi si alterano e cominci a mettere in discussione il mondo intero.

Leggere sul quotidiano locale che, di sabato sera, tamponano l’auto di un benzinaio sullo stesso tragitto che tu compi ogni giorno, lo minacciano con un fucile a canne mozze una volta che l’uomo è sceso dal proprio veicolo per controllare il danno e lo rapinano dell’incasso della sua giornata lavorativa, colora la tua percezione di sicurezza di nero pece.

Discutiamo e giustifichiamo ogni santo giorno le azioni dei piccoli delinquenti. Diamo colpa ad un sistema di prevenzione carente o quantomeno inadatto che non si pone mai seriamente il problema di recuperare i ragazzini abbandonati a se stessi quando è il momento di farlo, da bambini, da adolescenti.

Giustifichiamo ad oltranza sapendo che la nostra società è malata, ingiusta. Una società che ancora oggi, in Italia, se nasci figlio di un avvocato, di un medico, di un giornalista, sicuramente i games della tua vita avranno difficoltà più lievi rispetto al figlio del poveraccio, della prostituta, del carcerato, del tossicodipendente che di bonus non ne troveranno mai e tante volte si ritroveranno a ripartire, con sempre meno forza, di fronte ai ripetuti “game over” dovuti agli insuccessi. E ripeteranno all’infinito gli stessi errori perché nessuno mostrerà loro che esiste un altro modo per risolvere i problemi e che esiste davvero un altro stile di vita.

Fai presente ogni giorno a tuo figlio che deve trattare i suoi coetanei, qualsiasi estrazione sociale possiedano, alla stessa maniera.

Rischi di persona, permettendo a tuo figlio di uscire con il figlio della ragazza madre e di un disgraziato che ha avuto la geniale idea di scoparsi due sorelle e di tenere due famiglie. Lo stesso disgraziato che esce ed entra dal carcere e che è esempio di vita per gli altri figli che seguono le sue stesse orme.

Tuo figlio stesso ti dichiara: “Ma’, Pasquale ha problemi seri, è violento quando siamo per strada. Credo sia colpa della sua famiglia”.

Ti intestardisci e gli rispondi che bisogna insegnare, pian piano, a Pasquale che esistono altri modi per sfogare la rabbia, l’aggressività e così lo porti a frequentare, assieme a tuo figlio, le lezioni di rugby.

Intanto ti batte il cuore per la paura perché sai bene che potrebbe essere tuo figlio quello che apprende che esiste anche quell’altro modo per affrontare la vita …

Gli amici cari, gli insegnanti, qualche parente ti fanno presente di aver visto uscire tuo figlio con Pasquale e, quando si riferiscono a lui, riportano il cognome del padre, giusto perché tu capisca e ricordi che razza di madre incosciente tu sia.

Sai di fare la cosa giusta ma, poi arriva sabato sera e quelli con il fucile a canne mozze appena fuori dal paese, così, alle 8 di sera, senza riguardo, spavaldi, ti portano a riflettere davvero se è il caso di voler salvare il mondo mettendo anche a repentaglio il futuro di tuo figlio cercando di salvare quell’amichetto con tante disgrazie non sue.

Parli con le persone a te più vicine, quelle di cui ti fidi, quelle che sono cresciute con i tuoi stessi valori, quelle sempre generose e trovi in loro una paura maggiore della tua. Trovi che hanno cominciato a pensare che siccome lo Stato non le protegge, è arrivato il momento di farsi giustizia da soli. Trovi in loro rancore e non più condivisione: “Gra’, tu insisti con queste storie del divario sociale, che non è colpa loro, ma qua se non ti prendi un’arma e ti difendi da solo, t’ammazzano, ti minacciano, ti rapinano e nessuno fa nulla”.

Ascolti attentamente le parole, il tono, guardi i loro occhi e vedi tutta la paura e ti stupisci. Insisti con le argomentazioni ma comprendi che non otterrai nulla, hanno troppa paura.

E comprendi che davvero non puoi fare molto e che non dipende da te se il mondo va così male.

L’assenza dello Stato comincia da qua.

Da questa percezione di sentirsi sempre in pericolo e dalla certezza della mancanza di protezione e di giustizia. Da questa sensazione di essere da soli a dover affrontare i rischi.

Rifletti ancora e cominci a notare gli impianti di videosorveglianza, le “V” disegnate sulle abitazioni in campagna che stanno a significare la presenza dei vigilanti privati, i furgoni dei trasporti valori, nonché le idee delle persone sull’uso delle armi … e ti chiedi se non sei una incosciente.

Tutti hanno paura e cominci ad averne anche tu e inizi a temere come mai prima e ti senti sola e spaurita.

… ma è un attimo, solo uno … e poi torna il  solito “IO NON HO PAURA!”