Iceland, The Land Of Contrast.

Some say that Icelanders suffer from inferiority complex. We are a nation of 318.452 inhabits (January 1st, 2011) but still we feel as big as America, China or even Italy.

People say we have inferiority complex because we always need to be the best in that ever we do – smarter than other nations, funnier, better, richer and so on. Whatever we do it needs to be BIG and something to remember. Even when our banks collapsed, it was one of the biggest bank collapses in the world. When it comes to owning a computer 96% of Icelandic homes have at least one. We had the first female president and we also had the first lesbian Prime minister. Oh yeah, let’s not forget about the Volcano in Eyjafjallajökull. Not only did we have volcanic eruptions, but of course we just had to let the world know about it so we decided to have the ashes blown all over the Atlantic and stop all flights throughout Europe – just as a reminder. We may be small – but we are powerful!  Just to keep things on the fun-side the eruption happened to be on Eyjafjallajökull which is hard for everyone outside of Iceland to pronounce. We had a big laugh every time a news caster tried to pronounce the name.

Beside all that we also need to be a little bit more crazy then our neighbors in Europe. We, of course, need to have the biggest jeeps driving on the main roads.

I was so lucky to be a co-driver on a 3 days trip across Iceland’s high-lands last weekend. There is nothing like sitting in a 38” Musso jeep driving on what seems to be endless space of glacier, with the sun sparkling on the pure, white snow.

Iceland sure is the land of contrasts. We have Ice and Fire – Glaciers and Volcano’s. We also have Nissan Micra, Toyota Yaris and Ford 350 on 54” tires. When you see that kind of a car the only word that comes up in your mind is; MONSTER. Yes. It is a monster that drives on the streets in Reykjavik, the capital – but mainly it is used as a hobby vehicle, mountain jeep that can drive in any condition, any weather and through almost everything.

(me standing next to a super jeep aka MONSTER)

We started our trip driving up to Hrauneyjar-Hotel which is situated upon the entrance into the Highlands of Iceland. It was the perfect stay-at before our big trip up on Sprengisandur. On the parking-lot were 84 giant Jeeps during the night. Eigthy Four. That is really a sight to see.

At the crack of dawn the first jeeps started heading their way up to Sprengisandur (green route) – heading to the other side of Iceland; Akureyri and then we would spend two nights there – and drive back to the Capital on Sunday morning, taking the “pink” route back home.

After about one hour of driving in deep snow, focusing on staying on track and pulling each other out of deep holes we caught up with the monsters of the trip. The 54“ jeeps. A 7ton Hummer had an overheated transmission and needed to be pulled back to Hrauneyjar. But how do you pull a 7ton Hummer though the snow? Well… You put a 6 wheel 46“ Ford in the front – rope to the next jeep which needs to be a 44“ Toyota and then a rope onto a 46“ Ford 350 – finally you put the rope on the Hummer and off you go – sure that you have enough horse power to pull 7 tons!

We had all sorts of adventures on the highlands. Broken jeep that needed to be fixed on the spot (thank god my partner knows cars!), derimming of a 38“ tire, a big rock that almost wrecked the stanchion on a Nissan Navara and so on and so on. But that is what makes it all worth it – all the trouble that make good stories. All the trouble that teaches you not to go further down in air pressure in the tires then two pounds, not to drive to fast or you might hit a rock sticking out in the middle of the snow.

(A 38“ Toyota Hilux being pulled out of the snow)

When the „boys“ got to busy playing with their cars – i jumped on my ski‘s and enjoyed the silence of the Highlands. Not even a bird singing as far as my ears could hear. Untill I heard the roaring sound of the jeeps getting closer and closer. Thank god my partner picked me up. It would have been a long ski trip back home .
I love living in Iceland. I love all the adventures you can enjoy – all the beautiful scenary and all the opportunites our country has to offer.

(My highland group of jeeps )

Where will you travel in 2011?
Iceland welcomes you!

Irresponsabile, Quasi Nuovo, Forse Felice E Con Un Pollo Di Gomma Con In Mezzo Una Carrucola

E’ da un pò di tempo che mi sento così: irresponsabilmente ragazzino ed ermeticamente chiuso in un involucro che porta la scritta “usato, ancora in buone condizioni”.  E tra le mani ho sempre un pollo di gomma con una carrucola in mezzo. Eppure quando ero “piccolo” non correvo 10 kilometri al giorno come faccio oggi, neanche me lo sognavo! Oggi, invece, sgambetto manco fossi un keniota ( me lo dice sempre il mio vecchio amico gaetano, “usato, quasi nuovo” come me ). Ma la sensazione più bella che provo, e allo stesso tempo che mi fa più paura, è la quasi totale mancanza di responsabilità. A volte riaffiora ma la prendo a calci nel culo in men che non si dica! E sapete perchè? Perché mi rovina la vita, perchè mi sveglia ogni volta che sogno ad occhi aperti, perchè ha l’ardire di intromettersi ovunque ci possa essere un briciolo di goduria mista a felicità! Non la sopporto più! Io voglio morire irresponsabile!

E’ proprio per questa voglia di “irresponsabile goduria” che qualche mese fa ho lasciato il mio lavoro: era responsabilmente asfissiante, mi aveva tolto la vita, mi aveva spento completamente, ero solo un triste omino da carriera e lo sono stato per dieci lunghi anni. Avevo perso anche il piacere di andare a fare la spesa al supermercato e di cucinare qualcosa di buono con le mie mani. Non sapevo manco più quale fosse l’odore dell’erba bagnata dalla pioggia e non ricordavo più che rumore avesse il mio piede quando la calpesta mentre corro veloce, stanco ma felice! Oggi non è più così: per fortuna ho avuto almeno il coraggio e la forza di riscoprire quell’odore.

E sono sicuro che è proprio colpa della responsabilità se ancora non ho fittato un cottage nelle praterie di Hauganes in Islanda, e se non vi ho ancora portato culo, pc, videogiochi, amore e fantasia.

Si, videogiochi! Sorrido sempre quando penso alla mia voglia di videogiochi perché sono loro il mio termometro di irresponsabilità latente. L’ho sempre avuta e continuo ad averla. Ma ciò che più mi sorprende è che spesso, mentre sono preso da “cose responsabili”, mi viene in mente: io, nano guerriero con orso addomesticato, riuscirò ad affrontare il gelo delle terre di Azeroth ? La ricetta per il GROG sarà sempre cherosene, glicol propilene, dolcificanti artificiali, acido  solforico, rum, acetone, colorante rosso, detriti, grasso per motore, acido per la batteria e peperoni?  Avrò portato il progetto per la mia nuova lama celata a Leonardo Da Vinci? Devo migliorare il mio top-spin contro Nadal questa sera!

Amore, quanto amore ho ancora in corpo? Non si misura, lo giuro! E’ amore emozionato ed emozionante! E ho voglia di “vomitarlo” subito, a qualcuno che non ho ancora conosciuto, ad un paesaggio che ancora non ho visto, all’odore che ancora devo annusare.

Mi sapete dire quanto tempo ancora dovrò sopportare questa mancanza di “resistenza al presente”? Per quanto tempo ancora sarò costretto a farmi svegliare dalla mia responsabilità?

Stasera rigioco Monkey Island e berrò Grog in compagnia di un pirata perchè “…tutto quello che ho è un pollo di gomma con in mezzo una carrucola!…”.

Icelandic Berlusconi: A Man That Is Always Changing Partners, Cheating On His Wife Etc

Io sono e resto di destra sociale (quella di Alemanno-Storace). Ergo, oggi non esiste alcun partito, corrente o spiffero che mi rappresenti seriamente. Cruciani avrebbe detto: “vabbè ma non era necessario dirlo”. Io, invece, lo dico perchè credo sia utile sapere che questa critica non proviene da sinistra. Premesso questo ( così nessuno resta col dubbio ), non potevo non incollarvi questo pezzo di chat tra me ed Hanna, felice della vittoria del suo comico-politico Jon Gnarr, alle elezioni comunali di Reykjavik, in Islanda. Ovviamente, le ho chiesto notizie e impressioni sul fatto. E lei è molto felice. Il loro è un voto di protesta contro la classe politica responsabile della loro attuale crisi (magari accadesse in Italia ). Ma non volevo parlarvi solo di questo, bensì dell’inevitabile accenno al nostro Silvio Berlusconi. E le poche parole che vi incollo saranno sicuramente sufficienti a farvi riflettere sulle gran belle figure che facciamo all’estero. Ecco come Hanna (e molti islandesi) dipinge Berlusconi. E’ chiaro che questo rappresenta solo un singolo esempio ma credo siano in molti a desiderare un premier diverso, con più spessore politico e meno voglia di fare della politica un immenso ed ingannevole spot pubblicitario.

22:52 Oz
hannaaaaa:) your comic won the election day in Reykjavik??:)

22:52 Johanna
yes!!! he won!

22:52 Oz
ehehheeh, nice..have you vote for him?

22:53 Johanna
yes of course

22:54 Oz
fantastic:)

22:59 Johanna
yes very so, and he will probably become the major of Reykjavik!
people are just sending the political groups that have been running this country in to all this trouble, big fat FINGER!

23:00 Oz
yes i read of that on italy’s newspaper

23:00 Johanna
haha really??

23:00 Oz
yes of course..that’s a vote against the bad iceland politic..
i think that here in italy we need that kind of vote…
but we need more time …

23:11 Johanna
When will you be voting?

23:12 Oz
in our city in 2 years
in italy, to try to change Berlusconi, we need other 3 years!!!:)

23:14 Johanna
Berlusconi is a real womens-man right?

23:14 Oz
a womens-man?

23:15 Johanna
a man that is always changing partners, cheating on his wife etc

23:15 Oz
ahhahahahahahahahah oh my god!
that’s what you know about him? ahhahahha
incredible:) it’s not good for italian people:)
anyway yes…he is:)

23:18 Johanna
haha well im not really big news-person, but ask any icelander this is probably the first thing they will say about berlusconi

23:19 Oz
I have no difficulty believing in this:) really:) it’s a big problem in italy

Morirei Di Serenità, Con Lo Sguardo Rivolto Al Cielo, Trafitto Da Sensazioni Islandesi

Non ho la più pallida idea del motivo che mi porta a desiderare  quel posto e forse scrivere mi aiuterà a scoprirlo e a capire me stesso. E poi spero sempre che qualcuno mi dia una mano.  E, infatti, come mi suggerisce Bonhomme, una risposta me la regala Deleuze: mi “…manca la resistenza al presente”. La verità è che non ho mai calpestato un solo granello di quella terra. Non so quanto sia freddo portare avanti un passo tra quelle distese innevate, non so che odore possa avere il vento che soffia da quelle parti e non riesco ad immaginare che sapore possa avere l’acqua che sgorga vicino a quel vulcano. Se ci penso bene, non credo di aver capito ancora che colore abbia la sua aurora boreale e non so quanto possa esser meraviglioso, e allo stesso tempo fastidioso, il sole di mezzanotte. E la cosa più bella è che la sogno spesso ma non riesco mai a ricordare nulla di preciso, come al solito. So soltanto che mi sveglio e resto per un pò in un angolo del letto, con le braccia che mi tengono strette le gambe. E mi restano solo sensazioni, sensazioni islandesi.

Ed è nei miei sogni che sento quell’odore di legno. Forse perchè sogno quelle case col tetto colorato che mi trasmettono serenità e calore. Chissà, forse Hanna mi saprà dare una risposta, forse anche lei lo sente nella sua Islanda.

E probabilmente è “colpa” di Hanna se di quei sogni ricordo anche un suono che per lei sarà sicuramente familiare: è quello di una slitta che solca la neve tirata da uno splendido cagnolone. Ti invidio Hanna. Ti invidio quando ti sento chiamare il tuo cane mentre l’altro ti tira sulla slitta e mentre sento quel suono. E spero sempre di poterli vedere, mentre si rotolano nel bianco, stanchi e felici, dopo aver corso per regalarti odore di neve mentre fili via veloce.

Insomma, non l’ho mai vista nè annusata questa benedetta Islanda! Ma il solo pensiero di poter stare lì, sdraiato su un prato, con lo sguardo rivolto al cielo, mi regala serenità.

Ecco perchè mi aiuta scrivere: capisco sempre più me stesso. E capisco che, probabilmente, la serenità è ciò che manca alla mia vita. E chissà, forse è custodita proprio in quei paesaggi, in quelle case di legno, in una corsa in slitta tirata da un cane. Una cosa è certa però: se non distruggo il mio presente non lo scoprirò mai.

E’ proprio vero Bonhomme, amico mio, non sono ancora un bravo “partigiano del mio presente”, non so ancora fargli “resistenza” ma ti assicuro che ci sto provando. E forse un giorno ti scriverò e le mie parole ti racconteranno del bianco d’Islanda e avranno l’odore della serenità.