Della Crisi E Della Vita Degli Uomini E Delle Donne Alla Periferia Del Nuovo Impero.


Sono giorni e giorni in cui i media ci parlano della crisi, sputando termini e concetti tecnici della finanza che la maggior parte degli uomini e donne comuni non comprendono.
Generando, così, un’information overload inutile a capire cosa sta succedendo.
La crisi e l’Italia, l’Europa e gli Usa: ovvero il mondo occidentale è cambiato.
Forse solo questo si è capito.
C’è la crisi, ma fin quando gli uomini e donne, nelle loro case, nelle loro camera da letto, nelle loro abitudini di pranzo, di cena e di vita quotidiana non percepiranno cambiamenti in peggio, la crisi sarà un concetto ancora lontano, un fantasma che aleggerà, spaventerà, ma non affamerà lo spirito.
Perché questa crisi è crisi del capitalismo dei finanzieri che ha soppiantato quello dei produttori, il denaro si è infatti sganciato dal merito, dal lavoro e dall’uomo, trasformandosi in un valore a sé. L’unico.
La crisi finanziaria e, poi per riflesso economica, è stata provocata in buona parte dagli eccessi di banche e banchieri, che hanno pesato e pesano sulla vita degli uomini e delle donne comuni; ma mentre le persone comuni sentono di avere pagato un prezzo per la crisi e di continuare a pagarlo, la sensazione è che chi l’ha provocata, i banchieri e le banche, se l’è cavata senza alcuna punizione, che per le loro la bella vita prosegue come prima e più di prima.
In tutto questo le manovre finanziarie dei governi degli Stati, cosiddetti nazionali – chi aumentando le entrate e non riducendo la spesa, chi sancendo tagli che colpiscono i poveri e non i privilegiati – non faranno ripartire l’economia e non funzioneranno, pur avendo chiesto sacrifici, lacrime e sangue subito, e soprattutto non hanno mantenendo la “reason why” che grazie a un forte sacrificio subito, saremmo stati meglio in un secondo tempo, tornando rapidamente a un benessere diffuso.
Il punto vero è che lo Stato Nazione è finito.
Dallo Stato Nazione siamo passati a una sovranità monetaria, in cui le Banche sono le uniche, vere padrone del mondo.
Possiedono, nella precisa accezione tecnica del termine ‘possedere’, tutti gli Stati, mentre politici e giornalisti svolgono la funzione di servizio, in qualità di gestori, del Potere finanziario.
E’ per questo che tacciono i Governi di tutto il mondo, che si trovano nelle nostre stesse condizioni, avendo demandato alle Banche il diritto di creare il denaro, interessate a mettere le mani, in questa crisi, sull’oro ancora nelle casse degli Stati del mondo occidentale.
In Italia, poi, tace anche l’opposizione – che a mio avviso è anche peggio di chi ci governa – che non proferisce parola sull’assurda anomalia del debito che lo Stato ha nei confronti della Banca Centrale Europea e tanto meno parla dei ricchi per eccellenza, ovvero i “banchieri”, i suoi maggiori nemici.
E né tantomeno chiede che la crisi la paghino loro, tassando plusvalenze e speculazioni finanziarie, mettendo un freno ai giochi della finanza.
La sua unica proposta è far fuori Berlusconi con un governo tecnico con a capo Monti, economista e International Advisor per Goldman Sachs.
La politica è sempre più annebbiata e incapace confinata in un angolo negativo del nostro immaginario dalla retorica demagogica nazionalpopolare sulla “casta”, che se pur va, in maniera perentoria, riformata in numero e stipendi, andrebbe contemporaneamente riformata con le istituzioni per competenza, esperienza ed expertise.
Perchè in tutto questa crisi finanziaria c’è, anche e soprattutto, una crisi della capacità narrativa, quella che i Greci chiamavano anekdiegesis.
La competenza narrativa degli individui e delle collettività regredisce fino a scomparire mentre l’esperienza cessa di essere comunicabile. Il corso dell’esperienza è crollato, la politica non è esperienza capace di costruire futuro.
In questa sensazione di strategia del “silenzio”, forma moderna di censura, la volontà di non spiegare e far capire agli uomini e le donne quello che accade è anche molto più grave e più efficace nell’attuale mondo dell’informazione planetaria, di una censura dichiarata ed esplicitamente coercitiva in quanto se una notizia non viene “raccolta” e ripetuta passando da uno strumento di comunicazione all’ altro, e’ inesorabilmente condannata ad una morte peggiore della morte perché, quale che sia la sua importanza, ne viene negata l’esistenza.
E’ per questo che i fatti di Londra ci rimbalzano come avvisaglia della fine del mondo occidentale così come lo conosciamo.
Teppisti con scarpe firmate che mettono a ferro e fuoco una metropoli occidentale – correndo a saccheggiare negozi per rubare tv, playstation, ipad e iphone – sono l’emblema, che si sgretola rovinosamente, di quel mondo flaccido, consumista e dell’eccesso, in cui tutto ciò non era la deriva ma l’idealtipo.
Di un mondo senza politica, senza cultura, senza solidarietà, senza immaginario condiviso, senza futuro.
Il teppista griffato non si rivolta per ottenere un impiego, del cibo, dei diritti civili o idealisticamente una società migliore.
Reclama soltanto anch’egli l’accesso agli status symbol della pubblicità acquistabili attraverso il denaro.
Reclama il diritto ad avere i 15 minuti di celebrità che il dominio dell’immagine reclama nel mondo occidentale.
Tutto ciò non significa condonare i saccheggi e gli episodi di violenza indiscriminata, ma è urgente interrogarsi su questa nuova ed emergente identità che non è trasgressione dei codici prestabiliti, ovvero della grammatica culturale dei nostri Stati nazionali, della nostra (a)civiltà occidentale, ma la creazione di un codice che farà la trasgressione e la rivolta una norma sociale per accedere a ciò che non si ha.
E per questo che sempre più scoppieranno, nelle strade delle capitali del mondo occidentale, guerriglie sociali sempre più marcatamente semiologiche e di contesto.
E se da un lato, iniziarle a decodificarle significa riconoscere la realtà, una realtà in cui molti giovani si sentono completamente esclusi non solo da potere e ricchezza, ma pure da ogni tipo di opportunità, dall’altro significa capire che il vecchio e decadente Occidente, ormai, è sempre più periferia del Nuovo Impero.