The Day We Fight Back

“The Day We Fight Back. Against Mass Surveillance”

Nel giorno dell’anniversario della tragica morte di Aaron Swartz prende forma su internet la più grande mobilitazione mondiale contro le strategie di sorveglianza e controllo della National Security Agency.
Ottavopiano ha deciso di aderire a “The Day We Fight Back. Against Mass Surveillance” perché la posta in gioco è molto alta.
Oggi la rete corre un pericolo ancora più grande: quello di soccombere sotto la sorveglianza di massa della NSA e dei suoi alleati.
Nel gennaio 2012 SOPA e PIPA sono state sconfitte grazie anche alla più grande protesta della breve storia di internet.
La NSA ha calpestato il diritto alla privacy delle persone in tutto il mondo.
Così come abbiamo già raccontato in “Cronache dell’Infowar”, Barack Obama ha rilasciato le nuove direttive riguardanti il tema della sorveglianza e i poteri dell’NSA. Ma le queste direttive sono molto deludenti (Puoi leggere qui il perché).
Migliaia di siti web ospiteranno striscioni invitando la gente a inviare e-mail al Congresso, chiedendo ai legislatori di opporsi alle nuove direttive di Obama alla legge FISA, di sostenere la Freedom Act USA, e mettere in atto le protezioni per i Paesi non-americani.
Dai forza a https://thedaywefightback.org

eugenio iorio - jacques bonhomme

Studia le immaginificazioni sul futuro anteriore attraverso il framing e le neuroscienze. É docente di Comunicazione pubblica e di Comunicazione politica presso l’Università di Bari, di Comunicazione e innovazione nella Pubblica Amministrazione presso il Suor Orsola Benincasa di Napoli. Ha lavorato all’immaginario della nuova Puglia e, negli ultimi cinque anni, ha diretto la comunicazione istituzionale della Regione. Ha fondato il Public Camp e il blog collettivo www.ottavopiano.it, laboratorio di ricerca sui media e sugli influencer. Si occupa di comunicazione e marketing politico. É consigliere nazionale della Associazione Comunicazione Pubblica e Istituzionale.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebook